Una giornata particolare

berlusconi condannatoOre e ore e ancora ore di diretta fiume. Il lungo sproloquio di pronostici, scenari possibili e anticipazioni andato in onda su La7 si è arenato contro una sentenza che, sulle prime, non aveva capito nessuno. D’altra parte che senso avrebbe avuto invitare un giurista in studio il giorno in cui viene pronunciata la sentenza definitiva del processo Mediaset? Meglio avere il trombato Mario Sechi e il sintetico e per nulla stucchevole Marco Damilano, no? Una giornata storica, degna di un liveblogging postumo e a rovescio, insomma una cronologia.

ORE 14.15 – GLI OMBRELLINI. Poco prima del collegamento l’inviato del Tg La7 prende fuoco e muore per autocombustione. Lo sostituisce un sosia, poco avvezzo ai modi delicati di Mentana durante le dirette fiume e a un certo punto si lascia scappare una frase sui giornalisti stranieri, che, per il caldo, stanno lentamente trasfigurando in una serie di ritratti di Schiele. “Si prendano degli ombrellini”, risponde con stile il diretùr, invitando il malcapitato a non rompergli più i coglioni con queste stronzate (scusate la semplificazione giornalistica).

ORE 16 – SIAMO L’ESERCITO DEL CAV. esercito di silvioArriva a Palazzo Grazioli una delegazione dell’Esercito di Silvio… Lo scrivo di nuovo, perché ancora non ci credo: arriva a Palazzo Grazioli una delegazione dell’Esercito di Silvio. L’esercito… di… Silvio. L’inviato da via del Plebiscito corre a intervistarli. Chiede a un ragazzo con l’espressione sveglia, tipo Braccobaldo dopo che ha sniffato colla per 17 giorni consecutivi, “Come mai questa manifestazione? È una dimostrazione di solidarietà?”. A quel punto il ragazzo prende i coglioni in mano, fa un bel respiro e dice: “Parla con lui”.

Il Lui in questione è Simone Furlan, leader e portavoce della temibile milizia, il quale si vanta di aver riavvicinato, col suo esercito, tre milioni di italiani a Berlusconi. Un uomo che potrebbe invadere la Polonia domani usando solo una scatola di gessetti verdi, quelli che ti si squagliano in mano. Ma l’esercito del Cav deve ancora dare il meglio.

ORE 17 – LA CORRIDA. Dopo ore di diretta fiume, in studio comincia a scarseggiare l’ossigeno. Damilano comincia a pontificare, fornendo 900 possibili scenari, compreso quello in cui Berlusconi non può andare in carcere perché aspetta un figlio e un telegramma dell’arcangelo Gabriele, intercettato da Carlo Rossella, ne sarebbe la prova evidente.

Mario Sechi non sa più che cazzo dire. Ha finito il repertorio almeno tre quarti d’ora prima, si è portato la chitarra e il canzoniere da usare solo in caso di vera emergenza. Ma ancora non è arrivato il momento. Mentana lancia collegamenti invece di mandare la pubblicità, fa battute a raffica, Sechi arrossisce, l’inviato suda, Damilano si sente escluso e vorrebbe aprire una piccola parentesi di tre quarti d’ora.

ORE 17.30 – LA FINTA CONFERENZA STAMPA. Davanti al Palazzaccio c’è movimento, Mentana si collega subito. “Che cazzo succede?” è il senso delle parole che rivolge all’inviato, che però minimizza. “Vai a vedere!” gli intima Chicco. Il giornalista si avvicina e scopre che il leader del popolo viola stava provando una eventuale conferenza stampa per commentare una eventuale assoluzione…

ORE 18 – PIANGE IL TELEFONO. berlusconi-telefono1A un certo punto Mentana lancia la pubblicità (stavolta c’azzecca) e aggiunge “Intanto faccio una telefonata importante”. Finiti i “consigli per gli acquisti”, come avrebbe detto la tessera 1819, si scopre che al telefono, fino a poco tempo prima, c’era la tessera 1816, il buon vecchio B. “Non si è sbilanciato, ha detto di non sapere ancora nulla. Ha detto che parlerà solo in caso di condanna”, racconta il diretùr.

“E ora che cazzo dico?”, avrà pensato tra sé e sé. Poi il colpo di genio: “Non sembrava preoccupato o pronto per andare al patibolo”. E allora venti minuti di analisi del tono di voce di Berlusconi.

ORE 18.30 – IL PRONOSTICO. A questo punto l’ora si fa tarda, in studio non sanno più cosa fare. Damilano ha pronta una barzelletta che dura quattro anni, che potrebbero essere ridotti a uno se elimina un personaggio inutile, ma sa che questo potrebbe costargli l’interdizione perpetua dal genere umano. Sechi ha preso in mano la chitarra e la sta accordando, quando a un certo punto Mentana chiede: “Ma perché mai ci metteranno così tanto?”. Eccolo il segnale che tutti aspettavano: parte il pronostico.

Il primo è proprio Mentana: “Se l’attesa è lunga dovrebbe essere un bene per l’imputato”. E tutti a prospettare l’annullamento della condanna, perché è il male minore, perché così il governo va avanti, Napolitano è sereno e siamo tutti amici e “Mario, allora ti muovi con ‘sta chitarra che vogliamo cantare!”. Sechi prende in mano il plettro, Damilano ha pronta una versione di Fratello sole, sorella luna in 12 atti, che dura 36 minuti, roba che La locomotiva di Guccini in confronto è un intro, quando… si aprono le porte dell’aula.

ORE 19.45 – LA SENTENZA. Viene letto il verdetto. In studio è il gelo. Non ci ha capito un cazzo nessuno, allora Mentana coglie la palla al balzo e si collega con Travaglio, che, molto semplicemente, gli spiega quello che è appena successo, vanificando le ultime due ore di diretta. Ma la vera perla è l’esercito di Silvio. Non spiego niente, il video parla da solo.

ORE 20.30 – IL COMUNICATO DI NAPOLITANO. Arriva il comunicato del Colle: “La strada maestra da seguire è sempre stata quella della fiducia e del rispetto verso la magistratura. Ritengo ed auspico che possano ora aprirsi condizioni più favorevoli per l’esame, in Parlamento, di quei problemi relativi all’amministrazione della giustizia. Per uscire dalla crisi in cui si trova e per darsi una nuova prospettiva di sviluppo, il paese ha bisogno di ritrovare serenità e coesione su temi istituzionali di cruciale importanza che lo hanno visto per troppi anni aspramente diviso e impotente a riformarsi”. In studio si interrogano per ore sull’utilizzo della parola ora e sul perché la nota sia stata scritta in carattere Times New Roman. “È quel “new” secondo me il passaggio fondamentale”,  dichiara Damilano.

Annunci
Contrassegnato da tag , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...