Archivio mensile:maggio 2013

Porcellum mon amour

porcellumDal “Porcellum” al “Porcellinum”. La riformina elettorale, vera o presunta, uscita dall’intesa Pd-Pdl proprio non è stata digerita da nessuno. Il Partito Democratico non ci sta e, con grande vigore, ha tamburellato le dita sul tavolo (battere i pugni è da estremisti, appartiene al vecchio modo di fare politica) e ha messo in campo una serie di proposte, che, ovviamente, sono riuscito a intercettare. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , ,

Mille e non più mille

MilleOk. Mi avete letto più di mille volte (forse a volte mi sono letto pure da solo) da quando questo blog è cominciato. Per cui un grazie ve lo meritate proprio. E pure il taccuino di oggi, che aggiornerò di volta in volta. Stay tuned!

– Riforma elettorale: accordo su modifiche minime al Porcellum. D’ora in avanti sarà scritto con la minuscola

– Inchiesta Penati, prescritta la concussione. “Chiederò l’annullamento”. E se non te lo danno che fai? T’incateni?

– Matteo Renzi su Chi vestito da Fonzie. Un travestimento per le cene di Arcore?

– Luciano Violante pericolo costante

Memorie di un cronista (parte 1)

cronistaDopo circa due mesi di vita, Out of this Word è prossimo a tagliare il traguardo delle mille visite. Manca davvero poco, per cui mi piacerebbe raggiungere e superare la storica soglia, con questo post d’epoca, un amarcord tratto dal mio personalissimo bestiario personale, che condivisi anni addietro con un gruppo ristrettissimo di amici.

Ve lo ripropongo, sostanzialmente così com’era stato concepito ai tempi, come si dice in questi casi, “sperando di fare cosa gradita”. Continua a leggere

I giorni dell’abbandono

enjoy-the-silenceTrenta e più giorni di silenzio. In casa, perché la mia vicina è andata altrove, accompagnata dal marito potenzialmente ergastolano e dai due figli, i fratelli decibel, posseduti dal demonio. Ma di questo parleremo in un’altra sede.

Trenta giorni di silenzio anche qui, un po’ perché me lo ha chiesto la vita, un po’ perché è successo davvero troppo (Napolitano, Andreotti, il Pd che finisce il Vinavil…), un po’ perché, molto poeticamente, avevo le palle girate.

Tuttavia, nell’ultimo mese, ho preso qualche appunto su quello che è successo, che qui vi riporto fedelmente, partendo da ieri e andando a ritroso. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , ,